Le ultime crocchette? A base di prodotti freschi

Molte novità nelle crocchette e nell'umido pronti all'uso per soddisfare le richieste di alimenti freschi, non di scarto e graditi al palato dei nostri cani. Tutte in vetrina alla fine di maggio a Norimberga.

Forse non tutti conoscono la Fiera Interzoo, dove i produttori offrono ai dettaglianti di ogni Paese europeo le novità che saranno sul mercato nei prossimi due anni. Nonostante i pregiudizi di alcuni di noi, si possono trovare crocchette e umido preparati con ingredienti di qualità buona o accettabile, basate su una ricetta corretta, dove carne e vegetali siano ben miscelati, eventualmente con riso e con frutta e verdura in modica quantità. Le novità più interessanti ve le racconto in questo articolo, ma quella a cui aggiudico l'oscar e un nuovo sistema produttivo, in grado di estrudere veramente le materie prime fresche.

L'Oscar dell'innovazione a GA Pet Food Partners

La tecnologia Freshtrusion, estrusione del fresco potremmo tradurre, permette realmente di utiizzare ingredienti freschi negli alimenti pronti secchi (crocchette) rispetto a qualsiasi altro sistema di estrusione adottato oggi. Questa azienda si è dotata di un sistema di produzione che ha brevettato, basato su quello che si chiama estrusore termico gemello (Wenger TT3630 Thermal Twin extruder) che lavora insieme a un precondizionatore ad alta intensità (Wenger High Intensity Preconditioner). Per i non addetti ai lavori cosa significa tutto ciò? Il precondizionatore è una macchina che inietta il vapore nelle e sulle materie prime fresche e lo fa in un modo tale che l'estrusore termico per produrre le crocchette utilizzerà molta più energia termica e molta meno energia meccanica. La riduzione di 1/4 dell'energia meccanica permette una cottura più gentile delle materie prime rispetto ai sistemi utilizzati negli estrusori standard. Il sistema aiuta a preservare la digeribilità delle proteine e la disponibilità di vitamine e minerali.

GA Pet Food Partners

Il sistema produttivo è affiancato anche da un procedimento di essiccazione in due fasi, pre essiccamento e essiccamento vero e proprio, i quali assicurano di eliminare tutta l'umidità in eccesso, legata all'uso di materie prime fresche e dunque ricche di acqua, garantendo quindi un alimento sicuro dal punto di vista della possibile crescita batterica o di muffe.

I due grandi vantaggi, a mio avviso, di questo sistema di estrusione sono poter lavorare con carne fresca (sino al 70%) e la cottura, degli amidi presenti in riso e patate, che ne preserva le proprietà organolettiche.  Individuare se un alimento secco che ci interessa (perché reclamizza carni fresche, o materie prime fresche) è prodotto in questo tipo di sistema produttivo è semplice: il numero di autorizzazione a produrre è GB193E1446 e in Italia vi sono già almeno due linee di crocchette lavorate in questo modo.

Barretta di krill

Nuovi snack e premi salutari

Capita spesso di non fare molto caso alla composizione dei premi o snack che offriamo al nostro amico a quattro zampe come ricompensa per un esercizio ben eseguito o solo per affetto. In genere accade perché il biscotto o il bocconcino di carne è molto gradito al nostro cane. Tuttavia, oltre a ricordare sempre che la razione di biscotti o bocconcini/snack suggerita sulla confezione sarebbe bene dimezzarla, bisogna porre attenzione anche alla composizione. Vi suggerisco due nuove proposte che ho trovato interessanti e che potrete cercare per il vostro amico.

La prima è una barretta, sembra una tavoletta di cioccolato, a base di krill. Con krill si definiscono delle piccole creature marine, simili a minuscoli gamberetti, che vivono in tutti gli oceani del mondo, ma prediligono le acque fredde. Compongono lo zooplancton che è il cibo di balene, pesce azzurro, squali balena ecc. L'olio di krill è ricco di omega 3, soprattutto EPA e DHA, e il rapporto omega 6/omega 3 è di 1:15 nel krill contro lo 1:3 di un comune olio di pesce. E' interessante che questa magnifica fonte di omega 3 sia fornita in forma semisolida, mentre sino ad oggi si è parlato di olio di krill da aggiungere alla dieta casalinga dei nostri cani. Il prodotto è stato sviluppato da un medico veterinario, la Dottoressa Trude Mostue norvegese, ed è a base di krill, estratto di malto e proteine del salmone. Come antiossidante utilizza estratto di rosmarino.

Krill nel mare

La seconda proposta sono dei premi a base di carne di anatra (96% petto) o pollo (96% petto) in forma di lamina o sfogliatina di carne secca. Anche in questo caso il prodotto è ottenuto partendo da materie prime fresche. L'azienda produttrice è finlandese e tutti i prodotti sono totalmente grain free (privi di cereali).

Una crocchetta che lascia senza parole

Avete mai pensato che una crocchetta potesse contenere proteine derivate da insetti? Qualcuno l'ha già prodotta e altri stanno studiando come proporla. Al momento l'azienda che ha presentato la novità alla fiera di Interzoo ha chiamato le crocchette "Insect Dog", ma un giorno potremmo trovare crocchette a base di larve della farina e patate o cavallette e riso.

Ultimamente la tendenza a desiderare di offrire ai nostri cani le stesse proteine e le stesse fonti di proteine di cui ci cibiamo noi ha generato un'enorma richiesta di prodotti. L'allevamento e la pesca intensiva, la caccia alle specie non addomesticate messe in atto per soddisfare queste richieste hanno un impatto enorme sul mondo e il clima sta cambiando. Per capire come possa essere nata l'idea di utilizzare proteine da larve di insetti provate a pensare ad alcune culture presenti in Africa, Asia e Australia, dove le larve di insetti e alcune forme adulte sono parte integrante della dieta alimentare. Perché sono state scelte le larve della farina? Perché hanno un apporto in proteine e acidi grassi omega 3 simile a quello dei pesci. Naturalmente si stanno valutando, in Europa e Stati Uniti, i pericoli potenziali derivanti dall'allevamento di insetti da utilizzare come fonte proteica negli alimenti per animali. In Europa sono Belgio, Olanda e Francia ad aver eseguito valutazioni del rischio, che sono legate principalmente al tipo di substrato o alimento sul quale gli insetti verranno allevati, in coordinamento con l'EFSA, l'agenzia di sicurezza alimentare europea.

In particolare l'idea proposta con le crocchette Insect Dog è quella di una crocchetta ipoallergenica, poichè le proteine di insetto non dovrebbero essere già venute in contatto con l'organismo del cane frequentemente. Le proteine derivanti dalle larve della farina sono presenti al 10% e sono precedute nella composizione da patate essiccate e farina di pisello. Insieme con le proteine di patate permettono di garantire un apporto proteico del 22% e in grassi del 12%. Insomma, una crocchetta allineata al mercato, ma con un ingrediente decisamente innovativo!

Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.