condividi:

1 Superfood al mese: le uova

Nel passato i cani rubavano le uova dai nidi a erra degli uccelli e se le mangiavano, compreso il guscio. Oggi la maggior parte di noi non può e non vuole lasciare il proprio amico a quattro zampe libero di cacciare e rubare le uova di animali selvatici, ma queste rimangono un ottimo cibo per i cani, specialmente nelle diete casalinghe, ma anche quando si offra un alimento commerciale, secco o umido, semplicemente seguendo alcuni accorgimenti.  

Un uovo è una merenda o un piccolo pasto, nutriente e già pronto. Ciò che dovrete fare sarà pensare a come offrirlo e valutare attentamente la quantità in base alla taglia del vostro cane. Ponete attenzione a non esagerare nell’offrire uova, uno o due alla settimana per un cane di taglia media possono andare bene, mentre eccedere può aumentare il colesterolo e rendere il cane grasso. Vi consiglio, quindi di parlare con il nutrizionista o il medico veterinario di vostra fiducia per sapere quante uova potete inserire nella normale alimentazione del vostro amico a quattro zampe. Il mio consiglio, generale, è:

  • 1 uovo a settimana per cani di taglia piccola
  • 2 uova a settimana per cani di taglia media e grande

Perché le uova fanno bene?

I nutrienti che compongono un uovo sono molto simili a quelli presenti nella dieta naturale che il cane poteva mangiare prima dell’addomesticamento. Le uova sono ricche di proteine, 6,3 grammi, e di grassi, 4,8 grammi, in un uovo di circa 53 grammi di peso (le tipiche uova grandi del supermercato). Le proteine sono animali, facilmente digeribili e utilizzabili dall’organismo del cane per costruire muscoli e altri tessuti, i grassi sono in buona quantità per fornire energia e, per una volta i carboidrati sono assenti. Questi due nutrienti sono principalmente contenuti nel tuorlo.  Le uova hanno anche un valido apporto di vitamine, vitamine A e D, vitamine B2, B6 e B12 e acido pantotenico, importante per il metabolismo di proteine, grassi e carboidrati.

 Uova crude o cotte?

Chi mi conosce sa che consiglio sempre di utilizzare gli alimenti cotti, ma nel caso dell’uovo si può fare un’eccezione: il tuorlo. Potete dare il tuorlo crudo aggiunto al pasto casalingo, alla razione di crocchette o di carne in scatola (umido). Mescolerete il tutto e aggiungerete poca acqua tiepida. Qualsiasi altro uso delle uova crude può racchiudere dei rischi potenziali: per primo consideriamo che un uovo crudo intero può essere troppo grande per un cane di taglia piccola, che lo potrebbe rompere a fatica, oppure potrebbe indurre un cane vorace di taglia grande a ingoiarlo intero, con evidenti rischi. L’albume contiene una sostanza, chiamata avidina, che inattiva l’assorbimento delle vitamine del gruppo B.

uova sode

E’ vero che il vostro amico non mangerà 1 uovo al giorno, ma con il tempo i soggetti più sensibili o deboli, potrebbero comunque avere dei problemi. Infine, pensate alla eventuale contaminazione da microrganismi, non si tratta di preoccuparsi di un germe in particolare, le uova vendute al commercio sono sicure, ma cosa dire delle uova comprate nei pollai dei contadini? In quel caso, con tutta la buona volonta, nessuno può assicurarvi che non siano contaminate. Non si tratta di una malattia che può colpire il vostro cane, quanto piuttosto la possibilità che lui contamini voi e noi umani siamo molto meno attrezzati contro salmone, coli o clostridi.

Le uova cotte non sono solo più sicure ma vi permetteranno di dosare la quantità in base alla taglia del vostro cane e alla dieta che vi hanno preparato per lui, di cuocerle in modi diversi, sode, strapazzate, all’occhio di bue. A parte per rassodarle, usate sempre padelle antiaderenti, ponetevi 1 cucchiaio da minestra di acqua e l’uovo, in questo modo non lo brucerete, non aggiungete mai alcun condimento, grassi o sale o spezie, se non le erbe officinali (prezzemolo, origano, timo freschi e spezzettati).

 E il guscio?

Questa è una domanda importante perché il guscio dell’uovo cotto non deve essere offerto al cane insieme all’uovo, ma se si vuole sbriciolato e utilizzato nelle diete casalinghe come fonte di calcio, prestando molta attenzione alle operazioni da seguire, come spiegato in Dell’uovo non si butta via niente!, altrimenti meglio buttarlo e chiedere a un professionista quale fonte di calcio utilizzare. Il guscio cotto potrebbe rompersi in pezzi aguzzi che potrebbero irritare l’esofago del vostro cane e causarvi dispiacere. I gusci sono un’ottima fonte di calcio nelle diete casalinghe, 1 cucchiaino da caffè (5 grammi) di polvere di guscio contiene 1950 milligrammi di calcio e solo 2 milligrammi di fosforo, mentre la stessa dose di farina di ossa contiene 1200 milligrammi di calcio e 630 milligrammi di fosforo. Il fatto che il guscio contenga quasi esclusivamente calcio è importante perchè la carne apporta quasi esclusivamente fosforo e nelle diete casalinghe è presente, generalmente, minimo al 50%.

Cosa mangiano i nostri cani? Dai prodotti in commercio all'alimentazione casalinga

Il libro di Fido A Tavola scritto da Elena Garella è disponibile su Amazon in formato cartaceo e e-book.

Con il cibo dite al vostro cane che lo amate. Crocchette, scatole di umido, cucina casalinga o Barf, tutte le alimentazioni hanno il loro perché e nel libro troverete i consigli utili a migliorare la vostra scelta oppure a cambiarla. Vi prenderò per mano e insieme sceglieremo la crocchetta ideale per il vostro cane oppure cucineremo un gustoso pasto casalingo con 4 semplici ingredienti.

Ordina la tua copia

Cosa mangiano i nostri cani? Dai prodotti in commercio all'alimentazione casalinga
Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.