10 Consigli per l’alimentazione in inverno

L’arrivo delle temperature fredde diminuisce il tempo che noi e il nostro cane desideriamo spendere all’aperto, le passeggiate si accorciano per esempio. Il tempo passato al caldo in casa fa venire voglia di gratificarsi con cibi piacevoli, cioccolatini noi, magari, e snack o biscotti i nostri amici a quattro zampe. Sarà, quindi, necessario fare qualche piccolo cambiamento per mantenere lo stato di salute del nostro cane.

1. Gestiamo la quantità di calorie che Fido ingerisce, continuiamo a somministrare lo stesso cibo, in questa fase iniziale, ma domandiamoci: lo lascio all’aperto per alcune ore (anche in un locale freddo, non riscaldato, come lavanderie, garage, ecc.)? Vive sempre in casa? Abbiamo diminuito la durata delle passeggiate? Nel primo caso sarà quasi sempre necessario aumentare la quantità di cibo somministrata al pasto, negli altri due diminuirla. Tuttavia, osservate il vostro cane: se si vedono le ultime 3 costole e la pancia è concava tutto va bene, se le costole scompaionoe la pancia si arrotonda, sarà necessario diminuire il cibo.

2. Ideate nuovi tipi di movimento, il movimento è molto importante, non pensate di diminuire le calorie e basta. Potete ideare dei giochi in casa, ricerca olfattiva per esempio, potete vestirvi bene e in giardino insegnarli a rincorre una palla o un freesbe per riportarlo, oppure studiare gli orari liberi in area cani e incitarlo a correre.

3. Attenzione a premi e biscotti, con il freddo a tutti piace mangiare di più e anche il vostro cane vi chiederà più spesso dei premi, un biscottino. Alle volte un pezzo di carne avanzata o del cibo extra fuori pasto possono sembrare un bel modo di viziare o gratificare il vostro amico a quattro zampe, ma sono tutta energia in più che non saprà come consumare. Cerchiamo, dunque, di mantenere la sua routine alimentare anche in inverno, con piccole deviazioni a Natale o per un’occasione speciale.

4. Attenzione ai cibi pericolosi, ve ne sono molti, tossici per i cani, in questi giorni di festa o freddi. La cioccolata, le noci macadamia e l’impasto crudo per i dolci sono un esempio. Attenzione anche ai dolci con l’uvetta e a piante come la stella di Natale o il vischio.

5. Rinforzate il loro sistema immunitario, come gli uomini anche i cani possono raffreddarsi in inverno e trovarsi con la gola infiammata o la tosse. Gli antiossidanti possono essere utili, basterà scegliere un alimento che ne sia ricco (mirtilli, melograno, carote) oppure uno specifico integratore.

cane nella neve

6. Proteggiamo la salute della pelle, soprattutto se il nostro cane ha la pelle secca possono formarsi delle fessure,come ragadi, anche dolorose. Una buona soluzione è aumentare la dose settimanale di omega 3, ottimi protettori della pelle, per esempio passando  da 2 a 4 volte alla settimana l'offerta di pesce azzurro (sgombri al naurale in scatola, sardine cotte al vapore e private della spina dorsale) nella dieta. Non dimenticatevi dei cuscinetti plantari, che sarà bene proteggere con un prodotto, magari contenente burro di karité  e/o olio di Argan.

7.  Extra attenzione al suo pelo, per molti cani un mantello folto è l’unica difesa dal freddo invernale. L’alimentazione deve essere accurata, altrimenti i peli diverranno secchi e sottili, aumentate l’apporto di omega 3 per esempio inserendo dell’olio di salmone oppure del pesce azzurro nella dieta. Anche una piccola dose di miele grezzo può aiutare la salute del pelo, della pelle e del sistema immunitario.

8.  Acqua fresca a disposizione, specie se trascorrono alcune ore al giorno da soli è una regola di base. Se rimangono all’interno della casa, il riscaldamento può creare una certa disidratazione, se rimangono all’aperto attenzione a dove ponete la ciotola, non deve essere ghiacciata. Controllatela e cambiatela ogni giorno.

9. Le articolazioni possono essere a rischio, specie se il vostro cane ha una certa età o soffre di artrite o di displasia dell’anca, il freddo invernale può peggiorare la situazione. Pensate ad introdurre alimenti che possano sostenere la salute delle articolazioni, ancora una volta gli omega 3 e poi glucosamina e condroitina, che potete aggiungere con un integratore specifico oppure con un brodo di ossa.

10.  Attenzione alla depressione, la diminuzione delle ore solari e del tempo passato all’aperto possono intristire il vostro cane. Prendetevi cura di lui, inventando nuovi giochi da fare in casa, coinvolgendolo nella vostra vita, aggiungendo alimenti ricchi di vitamine B, le vitamine del buonumore: le uova, che le contengono tutte, ma in particolare la B2; le verdure a foglia verde, come gli spinaci, ricche di vitamina B1; il pesce ricco di B6; i piselli ricchi di B9 o acido folico. Se, tuttavia, osservate che manca di energia e interesse al gioco, sarà meglio parlarne con il medico veterinario di vostra fiducia. 

 

Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.