Alimenti funzionali: quattro suggerimenti per cominciare

Alimenti benefici ce ne sono diversi, per cominciare vorrei proporvi i miei quattro preferiti, che non mancano mai nella ciotola dei miei greyhound Silver e Rory: miele, mirtilli, yogurth e una buona fonte di grassi.

Scegliere la fonte di grassi

Il consiglio che sto per darvi richiede disponibilità di tempo e un poco di spazio in cucina: adottare oli diversi a seconda del tipo di proteine presenti nella dieta del vostro cane. Molti di noi utilizzano l'olio di pesce o di fegato di merluzzo per l'ottimo apporto di acidi grassi omega 3, che sono anche un valido aiuto nel contrastare lo sviluppo delle informazioni. Cosa altro possiamo fare? Considerare quale tipo di proteina è presente nella dieta, per esempio se vi è compresa carne di manzo o di un altro ruminante (pecora, capra, cervo, ecc.) potreste aggiungere dell'olio di noce, 1 cucchiaino da caffè ogni 450 grammi di dieta. Se le proteine sono di pollo o di altro avicolo (anatra, tacchino, quaglia, ecc.) potreste aggiungere dell'olio di semi di lino, sempre 1 cucchiano ogni 450 grammi di dieta.

Infine se volete sostituire l'olio di pesce comprate delle sardine fresche e intere, scottatele al vapore, e aggiungetene 30 grammi ogni 450 grammi di dieta.

Miele

Il miele è un alimento ideale, ricco di zuccheri, enzimi e con un certo quantitativo di antiossidanti. Scegliamo il miele grezzo di apicoltori locali, in questo modo grazie ad una corretta pastorizzazione non rischieremo alcun inquinamento da tossine simil-botuliniche e preserveremo i suoi benefici. E non dimentichiamo che nei cani anziani aiuta la digestione. Una dose ideale è 1 cucchiaino da caffè a pasto oppure potete miscelarlo con yogurth (1-2 cucchiai da minestra) e mirtilli (3-4 tagliati a metà) per una merenda ricca di benessere!

Yogurth

Lo yogurth è un alimento ricco di pre e probiotici, aiuta a stabilizzare l'intestino e contiene alcuni minerali interessanti, tra cui una buona dose di calcio, che nei cani anziani aiuta a rinforzare le ossa. Possiamo somministrane 1/2 cucchiaio la mattina per i cani di taglia piccola, cominciando da 1 cucchiaino e aumentando gradatamente; 1 cucchiaio per cani di taglia media e 2 cucchiai per cani di taglia grande, partendo da 1/2 cucchiaio, sempre alla mattina.

Mirtilli

Sono una fonte valida di zinco, antiossidanti, selenio, vitamina E, vitamina C e vitamine del gruppo B. Sono molto utili nei cani che si avvicinano all'età anziana o sono già anziani per contrastare i radicali liberi prodotti nei processi ossidativi del cervello. I mirtilli possono essere un valido aiuto a mantenere buone le funzioni cognitive e l'attenzione dei nostri amici a quattro zampe non più giovani. Se il vostro cane non li gradisce crudi, potete stufarli (2 cucchiai di mirtilli, acqua sino a coprirli in una pentola aderente. Una volta cotti li passerete al setaccio) e somministrane 1 o 2 cucchiai da tavola in un pasto. 

 

Ritratto di Elena Garella

Elena Garella

Sono Elena Garella e da circa 20 anni mi occupo di alimentazione animale. Sono cresciuta in compagnia di cavalli e cani e l’alimentazione è stata da subito il mio principale interesse. Per questo dopo aver frequentato il liceo scientifico nella mia città natale, Roma, ho deciso di laurearmi in Scienze della produzione animale, a Pisa, e ho poi conseguito il dottorato di ricerca in Alimentazione animale a Bologna.