La BARF per il cane: posso dare il pesce?

Elena e Rory, levriero nero, abbracciati

Avete cominciato a seguire la dieta Barf per il vostro cane e vi state chiedendo se potete dare il pesce, giusta domanda perché i canidi selvatici raramente mangiano pesce.

La mia risposta è si e in questo articolo troverete tutto quello che dovete sapere per utilizzare il pesce crudo in maniera sicura, più una tabella con le quantità di acidi grassi omega-3 presenti nei pesci.

cane nero con pesce crudo

Pro e contro del pesce nella dieta Barf

Il pesce è un alimento il cui grasso è ricco di acidi grassi omega-3 , come non mi stancherò mai di ripetervi, utili per il cervello, la pelle, la salute delle articolazioni, ecc.  Rispetto ad altre fonti di omega-3 i pesci contengono ottime quantità dei due acidi grassi essenziali EPA e DHA, quest’ultimo non è sintetizzabile dall’organismo del cane tal quale, ma si ottiene solo in presenza di EPA. 

Questi due acidi grassi devono essere presenti nella dieta dei cani nella quantità di 22,3 mg/kg di peso. Consultando la tabella sottostante è possibile affermare che possiamo aggiungere:

  • 50 grammi/settimana di pesce con almeno 0,1 grammi di EPA + DHA alla dieta cruda di cani di taglia piccola (4,5 kg)
  • 100 grammi/settimana di pesce con almeno 0,1 grammi di EPA+DHA alla dieta cruda di cani di taglia media (14 kg)
  • 220 grammi/settimana di pesce con almeno 0,1 grammi di EPA+DHA alla dieta cruda di cani di taglia grande (30 kg)

 

Quantità di omega-3 EPA e DHA nei principali pesci che possiamo offrire al cane

Specie

Origine

EPA

gr/100 gr  pesce

DHA,

gr/100 gr pesce

Totale EPA+DHA, gr/100 gr pesce

Acciuga europea

Mare

0,5

0,9

1,4

Aringa pacifico

mare

1,0

0,7

1,7

Aringa atlantico

mare

0,7

0,9

1,6

Cavedano

Acqua dolce

0,7

0,8

1,5

Merluzzo atlantico

Mare

0,1

0,2

0,3

Pesce gatto

Acqua dolce

0,2

0,2

0,4

Salmone atlantico allevato

Mare

0,6

1,2

1,8

Salmone rosa

Mare/acqua dolce

0,4

0,6

1,0

Sgombro atlantico

Mare

0,9

1,6

2,5

Sogliola europea

Mare

Tracce

0,1

0,1

Tonno generico

Mare

0,1

0,4

0,5

Tonno rosso

Mare

0,4

1,2

1,6

Trota di lago

Acqua dolce

0,5

1,1

1,6

Trota arcobaleno

Acqua dolce

0,1

0,4

0,5

 

Sino adesso abbiamo parlato dei benefici, ma alcuni sconsigliano di inserire il pesce crudo, perché?

La ragione principale è la possibilità che nella carne dei pesci vi siano dei parassiti, in particolare quelli che popolarmente chiamiamo “vermi”.  Sono tre le classi di questo tipo di parassiti che possono preoccuparci:

  • I trematodi che possono trovarsi sulla pelle e negli organi dei pesci. In genere questa famiglia di parassiti non causa gravi danni, tuttavia sono stati riscontrati casi di salmoni del pacifico infestati da trematodi che hanno causato avvelenamento nei cani. Si tratta della costa Nordovest degli Stati Uniti, dove i Salmoni risalgono i fiumi per riprodursi, in queste aree i fiumi sono particolarmente infettati dai nematodi e dopo in caso di avvelenamento di alcuni cani si è scoperto che non erano i nematodi ma un altro parassita, la neorickettsia degli elminti, che parassitava i nematodi a causare l’avvelenamento dei cani.
  • I nematodi che si trovano nella carne del pesce, giacciono parallelamente alle striature muscolari e guardando attentamente si riconosco perché hanno un colore traslucido e sono grandi come un capello umano (circa 2 mm di diametro). Possono trovarsi spesso nel salmone selvaggio, sono praticamente assenti nei salmoni di allevamento. Il nematode più conosciuto e temuto è l’anisakis.
  •  I cestodi, i cosiddetti vermi piatti, sono forse quelli più pericolosi, si trovano negli organi, specialmente l’intestino e nelle cavità del corpo dei pesci. Si possono evitare eliminando gli organi del pesce prima di offrirlo al cane.

 

Quale è il mio consiglio? Quando inserite il pesce crudo nella dieta Barf del vostro cane prima di tutto dovete congelarlo, la durata del passaggio in congelatore dipende anche dalla sua temperatura, le regole dell’Unione Europea per l’abbattimento del pesce che verrà consumato crudo dai consumatori sono: a -20 °C per 24 ore e a -35 °C per 15 ore. Poiché raramente abbiamo in casa un abbattitore, meglio lasciare il pesce per 1 settimana nello scomparto congelatore del nostro frigorifero combinato. In questo modo avrete ucciso tutti i parassiti.

sardine-Barf per il cane posso dare il pesce

Come inserisco il pesce nella dieta Barf per il cane

Inserire il pesce nella dieta Barf per il cane è semplice, possiamo comporre una ciotola dove il pesce sia la pietanza principale, integrandolo con organi, verdura e frutta, oppure possiamo calcolare la quantità settimanale ideale per il nostro cane e suddividerla in più giorni, in unione alla cane o muscolo, agli organi, eccetera.

Se il vostro cane non tende a prendere peso potete anche semplicemente aggiungerlo alla ciotola già calcolata oppure come un sano snack a metà giornata.

In genere consiglio di eliminare la testa, perché molto ricca di ossa, e non semplice da gestire per l’apparato digerente del cane. Se preferite lasciarla, allora suggerisco di fare poi un giorno senza ossa polpose.