Tarassaco, curcuma e Boswellia, un aiuto naturale al dolore

cane su un prato di tarassaco

Il dolore è qualcosa che vorremmo non provare mai e da cui vorremmo preservare  i nostri cani, putroppo  le articolazioni sono facilmente soggette a sforzi o lesioni e a un conseguente stato di infiammazione.

In questo articolo valuteremo tre composti, due erbe il tarassaco e la curcuma e una resina la boswellia di cui avete sicuramente sentito parlare. Vorrei proporvi di utilizzare nel caso il vostro cane manifesti segni di dolore, che può essere saltuario all’inizio e manifestarsi durante le passeggiate o il gioco, per poi aumentare sino a divenire un tormento continuo.

Per prevenire il dolore alle articolazioni , generalmente, si utilizzano integratori a base di glucosammina, condroitina, olio di pesce e vitamina C.  La glucosamina è una sostanza presente nella cartilagine dei cani, somministrarla porta come beneficio un effetto antinfiammatorio, che contribuisce a ridurre il dolore. Anche la condroitina aiuta a diminuire il dolore, mentre l’olio di pesce aiuta efficacemente a ridurre le risposte autoimmuni e l’infiammazione e la vitamina C promuove la produzione di collagene nelle articolazioni.

A questi integratori possiamo affiancare degli estratti di piante, utilizzate in erboristeria canina. Se il vostro amico a quattro zampe sta seguendo una terapia con medicinali veterinari, consultate il medico veterinario di fiducia prima di iniziare ad usare qualsiasi erba.

"Per i cani con articolazioni malate, ma anche per i loro proprietari, la vita, poi, non è certo facile. Inizia, infatti, un percorso di convivenza forzata con il dolore e la disabilità: andatura rigida, limitazione del movimento, zoppia. Prof. C.M. Mortellaro, ordinario patologia chirurgica veterinaria".

tarassaco

Tarassaco o Dente di leone

Il Tarassaco è originario dell’Europa e lo troviamo comunemente nei nostri prati. E’ una delle piante più complete come alimento, contiene il 20% di proteine ed è ricco di vitamina A, C, K, D e del complesso vitamina B, oltre che di molti minerali.

Se volete utilizzare il tarassaco come integratore alimentare potete seccare le sue foglie, sminuzzarle e spolverarle sul pasto del vostro cane, oppure raccogliere e seccare i fiori, sminuzzarli e spolverarli sul pasto del vostro cane, naturalmente dovrete assicurarvi che i fiori raccolti non siano stati trattati con erbicidi o altri agenti chimici. Infatti una delle funzioni riconosciute al tarassaco è quella antinfiammatoria, sopratutto utilizzando la parte fiorita. 

Vi state chiedendo come dosare la quantità? Vi consiglio di leggere anche questo articolo /il-consiglio-della-settimana/5-erbe-aromatiche-il-benessere-dei-cani dove nella parte introduttiva indico le dosi ideali per cani di taglie diverse.

Se non avete voglia di raccogliere foglie e fiori di tarassaco nei prati, forse non siete sicuri che il prato non sia stato trattato con concimi o pesticidi, perché non comprare delle bustine di semi e coltivarli in vaso?

Infine, ricordate che non basta aggiungere un poco di tarassaco essiccato per alleviare il dolore del vostro cane, ma sarà necessario miscelarlo con altre erbe. Alla fine dell'articolo trovate un suggerimento per iniziare semplicemente.

Curcuma

La curcuma (Curucma longa) è una pianta perenne  che cresce sino all'altezza di 1 metro, originaria di India e Asia. Della curcuma si utilizzano le radici, dei rizomi come quelli dei giacinti, che hanno una radice grande centrale e delle radici più piccole, simili a dita. Da queste radici minori si ricava la polvere di curcuma. 

In genere viene utilizzata in alimentazione umana come spezia, è il componente principale del curry, negli alimenti per cani è ammessa come colorante naturale in dosi minime. Tuttavia è ampiamente utilizzata in erboristeria per curare il dolore articolare e le infiammazioni, grazie alla presenza della curcumina, che ha una potente azione antiossidante.

Questa sua azione neutralizza i radicali liberi, che causano l’infiammazione dolorosa e i danni alle articolazioni. Uno studio pubblicato nel 2014 ha confrontato gli effetti della curcuma con quelli dell’ibuprofene in pazienti umani con dolori artritici alle ginocchia. Entrambi i prodotti hanno determinato una sensibile diminuzione del dolore, senza differenze significative tra i due e con minori problemi allo stomaco, nel caso della curcuma.

Minori non vuole dire assenti, quindi è importante farsi guidare da un medico veterinario esperto anche in cure alternative. Il dosaggio suggerito è da 31 a 42 milligrammi per kg di peso. In commercio si trovano pastiglie con solo curcumina o con miscele di attivi botanici, come curcuma, salice e artiglio del diavolo.

Per un'azione antiossidante leggera, come prevenzione, vi consiglio di preparare la Golden Paste /ricette/golden-paste-base-di-curcuma, una ricetta a base di curcuma e olio di oliva. La ricetta è del dottor Doug English, veterinario australiano (https://www.turmericlife.com.au/blogs/recipes/turmeric-recipes-golden-paste) e comprende anche una certa quantità di pepe nero per attivare meglio la curcumina che è il principio antiossidante presente nella curcuma. 

Fate attenzione alle dosi e non superatele poiché potrebbe creare dei problemi al vostro cane. 

curcuma radice e polvere

Boswellia serrata

La Boswellia serrata è una pianta che produce una resina chiamata incenso indiano, infatti anche questa pianta come la curcuma è originaria dell'India.

La resina dell’albero di Boswellia serrata è utilizzata in medicina tradizionale ed erboristeria per dare sollievo ai dolori muscolo-scheletrici, impedisce la produzione di un composto specifico, un leucotrene, che regola la risposta immunitaria durante le infiammazioni.

Esistono pubblicazioni scientifiche che dimostrano l’efficacia antinfiammatoria dell’estratto di questa resina, in particolare nel 2004 una ricerca, pubblicata su una rivista tedesca (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14994484) ha sottolineato gli effetti benefici di Boswellia serrata nei cani. Sono stati trattati dei cani che manifestavano sintomi di dolori articolari quali zoppia, dolore locale, andatura rigida, dimostrando la diminuzione o la scomparsa di tali dolori. 

La somministrazione della resina di boswellia  non ha effetti collaterali negativi ed esistono in commercio prodotti a base di sola boswellia o in miscela con l’artiglio del diavolo, dedicati espressamente ai nostri cani. La dose varia in ragione della taglia  e dell’età del vostro amico a quattro zampe, scegliete un prodotto veterinario e seguite attentamente le indicazioni di somministrazione.

Iniziamo semplicemente

Per cominciare a familiarizzare con le erbe vi consiglio di provare questa semplice miscela suggerita da Gregory L. Tilford, veterinario specializzato in erboristeria e autore del libro Herbs for Pets  (https://www.amazon.it/Herbs-Pets-Natural-Enhance-Your/dp/1933958782)

Formula per un sostegno continuativo ai problemi di artrite cronica:

2 parti di erba medica

1 parte di radice di tarassaco

1 parte di radice di prezzemolo

1 parte di calendula

Si utilizza come supplemento nutrizionale essiccato. Tilford indica 1 cucchiaio da minestra miscelato alla dieta giornaliera (i due pasti) ogni 14 kg di peso. Significa 1/2 cucchiaio da minestra della miscela a pasto. 

E’ una miscela sicura per i cani, ogni componente è facilmente reperibile in una erboristeria fornita e si può somministrare anche per lunghi periodi, perché non ha effetti secondari.